Pancia gonfia? No grazie!!

Uno dei disturbi più lamentati, soprattutto dalle donne è il gonfiore addominale. Oltre a provocare fastidio e disagio, costituisce un problema estetico ingombrante. Vediamo insieme quali sono le cause e i rimedi più veloci ed efficaci per avere un addome piatto e snello.

LEGGI TUTTO SU: http://www.viversano.net/salute/corpo-umano/10-rimedi-gonfiore-addominale/

Via la pancia

In primis si deve focalizzare la natura del gonfiore (disbiosi, ritenzione, fecalomi, intolleranze…). In questo modo è più facile trovare un trattamento mirato piuttosto che andare per tentativi e provare soluzioni inutili o addirittura dannose.

Ecco alcuni spunti che possono aiutare:

Masticare lentamente limita l’accumulo di aria e quindi riduce il gonfiore. Il segreto per riuscirci è contare fino a trenta prima di ingerire il boccone. Se riuscite a diminuire la dimensione delle porzioni, ed evitate di mangiare chewingum, caramelle e di spiluccare senza sosta tutto il giorno, i risultati non tarderanno a comparire

L’automassaggio è una pratica d’emergenza con effetto immediato per espellere l’aria in eccesso. Effettuare l’auto massaggio è semplicissimo. Si pratica da sdraiati, piegando leggermente le gambe o posizionando un cuscino sotto le ginocchia. Si inizia massaggiando con movimenti circolari e in senso orario la parte bassa dell’addome. Si procede massaggiando la parte addominale sinistra e poi la destra partendo dall’alto verso il basso.

Rinforzate i muscoli addominali con esercizi mirati. Non è necessario iscriversi in palestra. Sul web ci sono dei tutorial interessanti in merito. Eco un esercizio facile da fare a casa. Bloccate i piedi sotto un peso (ad es. il termosifone o la base del letto). Sdraiatevi a terra su un materassino o un playd. Piegate le ginocchia. Incrociate le mani dietro la nuca. Il mento preme verso lo sterno per evitare di forzare la cervicale. Da questa posizione, sollevate le spalle in direzione delle ginocchia portando lo sguardo verso l’alto. Fate tre serie da venti tutti i giorni.

Evitate lo stress e l’ansia che non giovano alla linea, bensì fanno lievitare la pancia. Sarebbe utile approcciare tecniche distensive come lo yoga o le arti marziali per imparare a gestire meglio le preoccupazioni.

Soluzioni alimentari – erboristici:

L’ananas, il the verde, il mirtillo, lo zenzero sono ottimi sgonfianti. Lo zenzero si utilizza a fette in infusione con limone o altre erbe. In polvere per insaporire pietanze e dolci. IL frutto fresco dell’ananas aiuta ma il gambo è la parte migliore utilizzabile allo scopo.

Il the verde svolge altresì duplice funzione: accelera il metabolismo e drena ottimamente.

 

Latte o latte biologico..qual’è la differenza?

Il latte per le sue caratteristiche nutrizionali non è un alimento  che si presta per essere consumato e assimilato dall’organismo umano.

La storia evolutiva dell’uomo insegna che l’assunzione del latte è avvenuta in seguito alla sua nascita e per necessità di sopravvivenza ai periodi di carestia.

In seguito l’uomo scoprì nell’allevamento una grande fonte di reddito che continua  ancora oggi a livello mondiale.

Ora se vogliamo capire la differenza  fra il latte bio e il latte  “normale”, dobbiamo anche comprendere che la soluzione migliore si rivela quella di …NON BERLO AFFATTO!

Il latte ha caratteristiche nutritive decisamente sproporzionate e in eccesso di alcune sostanze che ben si prestano per la crescita veloce del vitello che in poche settimane deve trasformarsi in un bovino adulto del peso che si aggira intorno ai 700 chilogrammi.

Un neonato di contro, ha tempistiche più lunghe e un peso decisamente inferiore da raggiungere.

Vi sembrano osservazioni banali?

Leggete qui:

La “pompa calcio -fosforo” contenuta nel latte vaccino o animale in genere e di cui si regola l’organismo umano è squilibrata, ne risulta quindi un alimento acido non assimilabille dall’organismo umano. La conseguenza è che l’organismo per “reazione” di difesa, dovrà compensare con sostanze basiche tale acidità, prelevandole dallo scheletro.

Per cui avremo come risultato questa semplice operazione matematica: PIU’ CALCIO assuminamo con il latte, MENO CALCIO  l’organismo sarà in grado di trattenere.

Se così non fosse, chiedetevi questo:

Come mai nei paesi industrializzati dove vi è un consumo di grande quantità di latte, e dove esso è inserito pressochè dappertutto non si è ancora risolto il problema dell’osteoporsi?

Intolleranza:

Il latte produce una delle poche intolleranze da considerare “reali”.

Alla nascita infatti  l’organismo è munito della lattasi, enzima preposto alla digestione del lattosio (lo zucchero del latte).

Crecendo esso viene meno fino a scomparire del tutto mentre in taluni soggetti e popolazioni ne rimane qualche debole traccia (ecco spiegato perchè alcune persone lo tollerano meglio di altre).

Ciò significa che la PERFETTA LEGGE della NATURA ha stabilito che il latte (materno e comunque non animale…ad ogni razza i proprio latte) deve servire per il primario svezzamento del nascitturo che poi deve nutrirsi, per mantenersi in salute con altri alimenti (specie quelli solidi).

Ostinarsi a nutrirci di latte è contro natura quindi e produce numerose allergie e intolleranze (sempre più crescenti).

Frequenti sono le dermatite nei bambini e anche negli adulti.

All’ordine del giorno sono le pance gonfie e i disturbi intestinali, digestivi e mestruali nella donna.

In crescita sono i tumori alla prostata e al seno di cui il latte ne ha una forte responsabilità.

L’elenco dei disturbi che possono nascere o peggiorare con il consumo del latte è molto vasto.

Potete avere maggiori notizie leggendo il cibo che mi passa per la mente, in uscita per Pasqua su AMAZON.

Latte biologico?

Per essere tale il latte dovrebbe provenire da erba da pascolo biologica, il chè fà un pò sorridere!

L’operazione sarebbe un pò troppo costosa per essere poi calpestata dagli zoccoli della mucca.

l’erba non dovrebbe essere raccolta e posta nelle mangiatoie ma le mucche dovrebbero essere libere di vagare liberamente secondo i ritmi della natura nei verdi prati.

Ciò non può avvenire e di fatto non avviene.

Siamo di fronte a mucche da allevamento e sottoposte a mungiture intensive e forzate.

Questo scatena la produzione di adrenalina nell’animale che rimane nelle carni macellate e nel latte che beviamo.

Cosa mangerà dunque una mucca che produce latte biologico?

Le mucche normalmente vengono nutrite anche con mangimi chimici e rinforzati con ormoni e medicinali…

Inoltre “l’erba biologica”, dovrebbe essere lavata  da eventuali residui chimici causati dalle piogge e dall’inquinamento…e alquanto improbabile!

I terreni dovrebbero essere selezionati e trattati sequendo l’iter che il biologico propone ma che non corrisponde alle tempistiche dell’industria.

Infine, i vitellini dovrebbero provenire da allevamenti “selezionati”, ovvero da mucche BIOLOGICHE che invece sono state nutrite con mangimi chimici e trattate in modo cruento e anti natura.

Teniamo inoltre presente il trauma della separazione del vitellino dalla mamma e il fatto che esso verrà nutrito artificialmente con latte arricchito di sostanze chimiche.

Lasciamo dunque bere  il latte ai vitelli!

Buona bevuta a tutti!