Con tanta salute…. aperitivo!!

Il pinzimonio, l’aperitivo giusto per un healthy hour!

Cosa c’è di più bello che concedersi un buon aperitivo, nei tardi pomeriggi d’estate, quando il caldo si fa meno invadente e la luce più dorata?

Un buon cocktail, un succo, un tè freddo, accompagnati da tanti stuzzichini appetitosi, salati, a volte unti e bruciacchiati; insomma, spesso si incappa in snacks di incerta fattura e dubbia qualità che non fanno bene e che non sono nemmeno così buoni.

 

Un’ottima alternativa a pizzette decongelate, patatine bisunte, tramezzini a tutta mayo e affettati di infima qualità c’è: il pinzimonio, una scelta perfetta per un aperitivo homemade e una soluzione da ricercare, quando possibile, anche quando si “aperitiva” fuori casa.

Preparato già in tempi più antichi, il pinzimonio nasce come salsa a crudo fatta con olio d’oliva, sale, pepe e talvolta anche aceto, nella quale si intingono ortaggi crudi.

Preparato già in tempi più antichi, anche se spesso usato più per scopi decorativi che alimentari, il pinzimonio può diventare una vera delizia per il palato e anche per gli occhi, un trionfo di colori, di verdure con le quali sbizzarrirsi, accompagnandole con salse appetitose ma sempre all’insegna del benessere e della semplicità. Ecco alcuni spunti per delle ghiotte salsine light e sane.

La salsa più semplice viene preparata con olio extravergine d’oliva, sale, pepe e limone o aceto: il tutto viene mischiato energicamente per formare un’emulsione. Sfiziosa è anche la salsa alle acciughe che si prepara con due vasetti di acciughe sotto sale, da lavare, asciugare e frullare con un cucchiaino di capperi e un filo d’olio; questa salsa è perfetta con peperoni e gambi di sedano!

Per un gusto orientale è da provare la salsa di soia agrodolce. In una ciotola versate 8 cucchiai di salsa di soia, unite un cucchiaio di miele millefiori ed emulsionate bene.

Un perfetto accompagnamento alle verdure sono poi anche il classico guacamole e l’hummus.

  1. Io spesso accompagno le verdure crude anche con un ketchup fatto in casa con passata di pomodoro, aceto balsamico e miele ben mescolati assieme o con una salsa di yogurt greco che preparo aggiungendo a questo del miele, un pizzico di sale e qualche cucchiaino d’acqua per renderla più fluida. La semplicità degli ingredienti e la qualità delle materie prime ripagano sempre.
  2. Infine, quali verdure scegliere? È sempre meglio usare verdure di stagione. A seconda del periodo carote, sedano, peperone, radicchio, foglie di carciofo, zucchine, finocchi, pomodorini, indivia, broccolo, cavolfiore.
  3. Dolcezza, gusto, croccantezza, freschezza e tante vitamine… cosa desiderare di più da un vero healthy hour?

By Michela Quaglio

AMARANTO MON AMOUR

L’amaranto, pianta magica degli aztechi

Oggi, per intolleranze, allergie, attenzione all’alimentazione, ma anche per una sempre più diffusa e sana curiosità alimentare si stanno riscoprendo ingredienti fino a non molto tempo fa poco usati nella nostra cucina. Tra questi ci sono pseudo cereali come la quinoa e l’amaranto.

Quest’ultimo in particolare è ancora abbastanza un forestiero nelle nostre tavole, ma immeritatamente. Vale invece la pena conoscerlo meglio.

amaranto - cola de zorro

 

L’amaranto, originario dell’America centrale e oggi coltivato soprattutto in Messico, Guatemala, Perù, India, Cina e Nepal, veniva considerato un alimento sacro già dalle prime popolazioni che ne facevano uso, aztechi e inca, che gli attribuivano svariati “poteri”. In effetti è una pianta incredibilmente ricca di qualità: ha proprietà che lo rendono assimilabile a un cereale, ma di fatto non lo è (viene definito “pseudocereale”, come la quinoa), quindi non contiene glutine, ed è perfetto per i celiaci. Ricco di fibre e particolarmente digeribile e, contenendo fitosteroli in quantità, aiuta a mantenere sotto controllo il colesterolo.

L’amaranto è reperibile sotto forma di semi, di farina di questi ultimi o di foglie fresche della pianta. Ma vediamo come utilizzarlo in cucina. L’amaranto è perfetto in sostituzione del riso, del farro, dell’orzo, unito a verdure, formaggi, spezie, e anche nelle preparazioni dolci.

Vi propongo una vivace insalata di verdure e amaranto. Ecco come l’ho preparata. Non metterò le dosi, perché vi consiglio di seguire il vostro gusto personale.

Ingredienti:

  • Peperone giallo,
  • Zucchine,
  • Carote,
  • Fagioli rossi
  • Una manciata di semi di amaranto
  • Sale e pepe
  • Olio evo

Procedimento:

Lavate e mondate le verdure, tagliandole a dadini. Ponetele in una capiente padella con un filo d’olio e fatele cuocere fino a quando non si saranno ammorbidite, mantenendo però una certa croccantezza. Aggiungete acqua di tanto in tanto e salate verso la fine della cottura.

In questa ricetta potete utilizzare l’amaranto in due versioni: potete lessarlo, seguendo le istruzioni della confezione. Oppure potete provare i semi di amaranto a crudo; in ogni caso risciacquate l’amaranto prima di utilizzarlo.

Versate le vostre verdure in una ciotola, unendole ad una pioggia di amaranto. Con il suo sapore delicato e la sua consistenza, darà una marcia in più alle verdure e vi regalerà una sferzata di salute.

 

Michela Quaglio food blogger

Un’idea fatta di albumi, ciliegie e pistacchi!

Incredibile. In tre anni di suggestioni e divagazioni, non ho mai parlato di Follonica. Il mio Eden personale, l’età dell’oro a cui sempre torna il mio cuore. Strano davvero. Forse perché si tende a proteggere le cose cui si tiene veramente e quei ricordi sono tra i più preziosi che ho. Si partiva in questi giorni,Continue…

via Torta di albumi con ciliegie e pistacchi — Panelibrienuvole

Come fare il latte di mandorla in casa

Latte di mandorla homemade: una sana delizia

Definita normalmente frutta secca, la mandorla è il seme commestibile del bellissimo albero del mandorlo. Utilizzate per dolci squisiti, per conferire croccantezza a ricette salate, gustate in purezza, le mandorle sono un ingrediente davvero versatile e amato da tutti.Mandorlo (1)

Questi semi non sono solo buoni ma anche ricchi di proprietà benefiche e di preziose sostanze nutritive. La mandorla contiene infatti elevate quantità di vitamina B2 e di vitamina E che le rendono un alimento antiossidante, ma anche fibre e “grassi buoni”, della classe omega 6. Certo, come tutta la frutta secca è molto calorica quindi non bisogna eccedere nel consumo… ma che difficile fermarsi!

Oggi vorrei condividere con voi un modo delizioso di godere di tutte le proprietà della mandorla: la ricetta del latte di mandorla fatto in casa.

L’idea di creare un latte vegetale casalingo può spaventare, ma è più facile di quanto si possa pensare. Ecco il procedimento per ottenere un nettare squisito.

  • Prendete circa 130 grammi di mandorle biologiche (io uso quelle di Torrito) e mettetele nel frullatore con mezzo bicchiere d’acqua: frullate. Poco a poco continuate ad aggiungere acqua e a frullare, arrivando a inserire in tutto un litro d’acqua. Otterrete una poltiglia morbida da trasferire in un recipiente dove lasciarla riposare per mezz’ora.
  • Nel frattempo fate bollire un tovagliolo in una pentola d’acqua con un cucchiaio di bicarbonato, che toglierà ogni eventuale residuo e odore di detersivo (5-10 minuti). Poi fatelo bollire nuovamente, questa volta senza bicarbonato.
  • Prendete una ciotola, metteteci sopra un colino e sopra questo il vostro tovagliolo ben aperto. Iniziate a versare lentamente il composto di mandorle e acqua. L’acqua lattiginosa che arriverà nella ciotola sarà il vostro latte di mandorla. Continuate l’operazione finché non avrete terminato di versare tutto il composto. Prendete il tovagliolo con le mandorle frullate e strizzatelo con forza: uscirà ancora latte.

Il vostro latte di mandorla homemade a questo punto sarà pronto per essere trasferito in una caraffa o in una bottiglia di vetro. Essendo senza zucchero potrete dolcificarlo secondo il vostro gusto (perfetto è lo sciroppo d’agave), ma personalmente lo amo al naturale.

IMG_0539.JPG

Dissetante, dal gusto pieno e al contempo delicato, il vostro latte di mandorla vi assicurerà un pieno di vitamine e di minerali essenziali come il potassio. Non avendo origine animale il latte di mandorla viene è perfetto nelle diete vegane e vegetariane, come sostituto del latte vaccino.

Michela Quaglio

vermicelli zen

Gli anni del liceo si sa; sono quegli anni in cui si inizia ad uscire la sera con gli amici e i compagni di scuola, sono gli anni in cui sono ambitissime le cene dal cinese e dal giapponese, perché costano poco, perché ci si sente esploratori, perché ti lascia addosso quelnonsoche di esotico…beh ecco, io… […]

via Vermicelli di soia con Shiitake e piccoli trucchi zen — Dolce Amara Deliziosa

Anche all’avocado, piace il cioccolato

La semplicità e la velocità della realizzazione di questa ricetta è disarmante 😉 Un dolce al cucchiaio gustoso che realizzerete in soli 10 minuti! Vi serviranno pochissimi ingredienti, per 3 porzioni occorrono: 1 avocado maturo 1 cucchiaino di orzo solubile 15 gr di cacao 1 cucchiaio di zucchero di canna 100 ml di latte di […]

via Mousse di cacao con avocado e strati di panna — La cucina di monic / cucina vegana

Qual è la torta più buona del mondo?

via È una delle torte più buone, soffice, leggera che abbia mai provato😍 da quando l’ho fatta la prima volta, non riesco più a farne a meno e in famiglia ne vanno pazzi😍 Grazie a @zeroglutine_100bonta per la ricetta, è una creazione divina😜 INGREDIENTI:200 gr di farina di riso 250 gr di fragole 150 gr di zucchero 3 albumi Buccia e succo di 1 limone 100 ml di olio di semi di girasole 150 ml di acqua 1 bustina di lievito per dolci Montate gli albumi a neve e mettere da parte.In un’altra ciotola unite l’acqua, l’olio, lo zucchero, la buccia e il succo del limone e lavorate con le fruste, aggiungete poi setacciando la farina ed il lievito. Unite le fragole a pezzettini lasciandone alcune da parte per la decorazione finale e unite gli albumi amalgamando il tutto dal basso verso l’alto per ottenere un composto gonfio e spumoso. Decorate con le fragole a piacere e mettete in forno a 180° in forno statico preriscaldato per circa 35/ 40 minuti❗Semplice, veloce, golosa e scioglievole al primo morso, che ne dite di realizzarla anche voi??😜 #sharefood #scatticucina #food_instalove #pocket_food #cucinamediterranea #cucinandoarte#cucinare_perverapassione #afchannel#tagfood #don_in_cucina #foodporn #foodgasm #dolceosalato #lemillericette #cooking_illife #_ucooki #_food_repost #officialitalianfood #food_instalove #infinityfoodlover  — SAPORI E ODORI DI CASA MIA

Pan cake per tutti!

I Pancake alle mele sono il dolcetto goloso che ho preparato per colazione domenica scorsa, si tratta di un normale pancake con l’aggiunta delle mele grattugiate nell’impasto, una vera delizia, così oltre ad un buon dolce uniamo la frutta e facciamo colazione salutare e completa. I pancake sono un dolce tipico dell’Amarica Settentrionale preparato prevalentemente per la colazione ma negli ultimi anni entrato a far parte, a pieno diritto, […]

via Pancake alle mele — Caramello Salato

Assolutamente invitante!

Zuppa con indivia riccia L’ asta battuta da Dio per assegnare agli uomini la bontà andò deserta; andarono deserte anche quelle per assegnare la saggezza ed il rispetto. Invece le aste battute per assegnare la Natura rigogliosa ed incontaminata, l’armonioso succedersi delle Stagioni, l’ingegno, la capacità di coltivare la terra, la fantasia, ebbero successo, una […]

via Zuppa con indivia riccia, farina di mais, chips di radice di prezzemolo e l’asta — accantoalcamino

Depurare il fegato per dimagrire

Il fegato è una ghiandola che svolge numerose funzioni fra cui quella di filtrare le tossine causa di intossicazioni e malattie. Un cattivo filtraggio è responsabile anche di un aumento ponderale difficile da smaltire. Leggi TUTTO.

La vera focaccia genovese e non solo

Focaccia genovese morbida all’olio di oliva e rosmarino

Ingredienti:

farina 1000 g

acqua 350 g

olio extra vergine di oliva 150 g

sale 20 g

lievito di birra 50 g

zucchero 10 g

Impastare e lasciar riposare per una decina di minuti sul tavolo. Stendere la pasta su delle teglie, bucarla con le dita e spargere sopra una salamoia di acqua e olio e cospargere il tutto di rosmarino. Lasciar lievitare fino a circa il raddoppio del volume iniziale, spolverare con del sale grosso e infornare a circa 190°c per 20 minuti circa.

Focaccia di Recco (al formaggio)

Ingredienti per 3 teglie da 20 cm o 1 teglia da forno:

farina ” manitoba” 400 g

olio extravergine di oliva 50 ml

acqua 250 ml

sale qb

crescenza freschissima 400 g

Preparare gli ingredienti, formare un impasto con farina, versando un po’ di olio d’oliva aggiungete il sale ed infine l’acqua lavorate a mano (potrete farlo anche con l’impastatrice) sino a quando l’impasto risulterà morbido e liscio. Farlo riposare per circa 60 minuti in temperatura di circa 18/20° e coprire.     Dopo aver lasciato riposare l’impasto per 60 minuti, dividete l’impasto per prelevarne un pane di circa 1/2 chilogrammo e tirarlo leggermente con il mattarello rendendo la pasta sottile. Mettere le mani chiuse a pugno sotto la sfoglia e, ruotandola, allargarla e renderla più sottile possibile. Appoggiarla sulla teglia di rame precedentemente oliata. Quindi deporre sulla sfoglia la crescenza in piccoli pezzi (circa una noce per ciascun pezzo) in senso circolare. Fare una seconda sfoglia molto sottile (quasi trasparente) con lo stesso procedimento della prima e ricoprire la teglia con la sfoglia di base già cosparsa di crescenza. Chiudere le estremità delle due sfoglie in modo che i bordi sovrapposti risultino ben saldati ed eliminare la quantità di sfoglie (sopra e sotto) che fuoriescono della teglia. Con le dita pizzicare più punti della pasta formandovi dei fori della grandezza di circa 1 centimetro. Cospargerla di sale ed irrorarla con olio d’oliva.     Cuocere in forno alla temperatura di almeno 270° per circa 7/4 minuti. Il forno deve essere regolato in modo tale che il suolo sia più caldo del cielo del forno. La cottura sarà ultimata quando la focaccia avrà un colore dorato sopra e sotto.

La focaccia barese (ricetta di Palma D’Onofrio http://www.palmadonofrio.it)

Ingredienti per 6 persone

semola rimacinata di grano duro 200 g

farina 0 300 g

patate lesse 100 g

lievito madre 200 g

acqua 300 g

olio extravergine di oliva 50 g

sale 10 g

pomodori 20

olive nere baresane 10

origano

olio extravergine di oliva

sale grosso

Schiacciare le patate ancora calde, farle raffreddare. Porre in una ciotola le farine setacciate, le patate e il lievito madre, tagliato a pezzi piccoli, cominciare a impastare unendo l’acqua fredda, poca per volta, a metà dell’impasto unire il sale e, da ultimo incorporare l’olio. Lavorare bene l’impasto fino a quando non avremo ottenuto un panetto liscio ed elastico, ci vorranno circa 20 minuti. Dividere l’impasto in due panetti, ungerli e lasciarli lievitare fino a quando non avranno raddoppiato il volume iniziale. Trascorso il tempo di lievitazione, ungere generosamente due teglie e stendere l’impasto con le dita, creando delle fossette in cui affondare i pomodorini, schiacciati con le mani e le olive. Spolverizzare con origano, sale grosso e ungere con olio. Cuocere in forno caldo a 250° per 20 minuti circa.

http://www.msm.com

TORTA DI MELE SVEDESE

Torta di mele alla svedese

La torta di mele alla svedese è ottima sia calda che fredda, ma solo nel secondo caso potrete levarla dallo stampo e servirla tagliata a fette sopra un piatto da dolci.
Se la preferite ancora calda, dovrete servirla con una paletta. leggi tutto

Cous cous con verdure

Un piatto che non sfigura mai a tavola

Ricette da coinquiline


Il cous cous é un cibo davvero versatile. Da quando ho imparato a cucinarlo bene, lo preparo abbastanza spesso. All’inizio della carriera del nostro blog avevo fatto un cous cous orribile con orribili verdure… Quindi c’era da rimediare 😀

cous cous verdure (5)

View original post 192 altre parole

Biscotti al caramello

Anche se contiene la panna e il burro, noi questa ricetta la pubblichiamo per la creatività, per l’allegria che trasmette e soprattutto perché questi biscotti fanno festa e in un momento come questo fa piacere! ci piacciono comunque e sicuramente oltre ad essere belli saranno sicuramente buoni!

Ricette da coinquiline

Non mi vergogno a dire che ho una pessima sparabiscotti. Chi me l’ha regalata, dopo il primo tentativo andato a male, l’ha soprannominata “coccio di plastica”… Giusto per farvi capire le premesse. Io non demordo quasi mai con i miei “cocci” (i cocci sono oggetti di cui non ricordiamo il nome, come il coso… Vi è una vera e propria sindrome del coso e del coccio, ma qui ci vorrebbe uno studio dei lapsus e non siamo in sede adatta) e quindi ho trovato (e provato) la fantastica ricetta di Grembiule da cucina di questi semplici biscotti al caramello. Gli ingredienti erano troppo invitanti e quindi ho pensato che con la ricetta giusta la mia sparabiscotti avrebbe funzionato… E invece no. Sono molto delusa da lei! Ma non dai biscotti e dal loro sapore! Ovviamente ho fatto qualche modifica perché mi mancava qualcosa, ma spero che il risultato sia buono…

View original post 254 altre parole

Schwarzplententorte – Torta di grano saraceno e marmellata di mirtilli neri

Una ricetta entusiasmante e golosa,, per tutti e non solo per i celiaci!

Torta al Cioccolato e Pere con farina di mandorle senza glutine e senza lattosio: si.. sono una mamma Chioccia

manca e neppure il sapore!

Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

Mio marito dice che sono una “mamma Chioccia” e che fatico a staccarmi dalle mie piccoline. Forse è così, di certo quando mi devo allontanare da loro, i sensi di colpa e le preoccupazioni riempiono il mio cuore. Non andiamo mai via senza di loro, è difficile che le lasci per una notte da sole: da quando c’è Serena, 10 anni, forse sarà capitato 3/4 volte! Che ci volete fare, è più forte di me! E poi ora c’è anche Greta, 3 anni e mezzo … anche se bravissima in mia assenza, basta che ci sia il nonno Gianni con lei, come si fa a lasciarla? Si si, lo so, sono esagerata, Mauro me lo dice sempre! Sarà anche “il chiedere”: da sempre me le sono cresciuta da sola, senza nessun aiuto e dovendo rinunciare anche al mio lavoro. I miei genitori sono lontani, raggiungibili ma 70km sono comunque…

View original post 343 altre parole

Caprese di Anguria in insalata

Da provare

Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

Anche oggi ci stiamo sciogliendo, caldo… caldo… e ancora caldo. Abbiamo cercato un po’ di conforto nella nostra piscinetta in giardino ma anche lì l’acqua era caldissima, sembrava brodo! Le bimbe hanno fame, ma anche tanto caldo e non avendo il climatizzatore in casa, tutto è sentito maggiormente. Così ho preparato un piatto fresco molto dissentante e rigenerativo grazie alla presenza della nostra amata anguria ( che già vi avevo proposto qui in una insolita insalata estiva con bacon).  Una caprese in insalata, ma senza pomodoro, con piccole mozzarelline e cubetti di dolce anguria fredda, una spolverata di granella di pistacchi e un condimento fresco, con limone, zenzero grattugiato e del buon olio evo. Abbinamento azzardato per delle bimbe? Viste le ciotole vuote direi di no.

Ingredienti per 4 persone:

500gr di anguria (senza buccia)
300gr di mozzarelle ciliegia
3 cucchiai di granella di pistacchi
2 cm di radice di zenzero
1/2 limone di…

View original post 124 altre parole

Spaghetti integrali con pesto di rucola e mandorle

Buon piatto approvato!

DSC_2373a

Facilissima, velocissima, freschissima.
Vi bastano queste 3 caratteristiche per convincervi a provarla?! Spero di si! 🙂
Con il caldo insopportabile di questi giorni, l’appetito scarseggia un po, e se come me, avete voglia di mangiare soltanto piatti freschi e leggeri questo è quello che fa per voi, inoltre è un primo vegano , quindi davvero perfetto per tutti i gusti.

Ah, dimenticavo di dirvi di cosa si tratta: spaghetti integrali con pesto di rucola e mandorle.
Io li ho preparati utilizzando gli spaghetti di Pasta La Molisana, e ne approfitto per dirvi che sul sito della Molisana potrete partecipare al contest ‘SCOPRI DI CHE PASTA SIAMO FATTI’.
Partecipando al concorso de La Molisana scoprite subito se avete vinto uno dei premi giornalieri!!! Se non avete vinto potete partecipare all’estrazione finale di due viaggi per due persone…come? Collegatevi dal vostro pc su https://goo.gl/Z5vrvS oppure dal vostro  smartphone o tablet su https://goo.gl/vY6kzn e scoprite com’è semplice!

View original post 155 altre parole

Casarecce di ceci al pesto di rucola su letto di peperoni al balsamico

Fantastico piatto!

la tana del riccio

casarecceAncora due giorni e sarò in ferie.. pensandoci sono meno di due mesi che sono rientrata al lavoro dall’infortunio e tutto sommato le attività, pur impegnandomi moltissimo, hanno richiesto meno energia del solito ed hanno dato anche qualche bella soddisfazione.

Ad ogni modo, ormai l’avrete capito, il viaggio per me è un attivatore di emozioni, conoscenza, curiosità, scoperta, confronto e tanto altro..
Questa volta però partiremo in macchina, e la cosa, a dir la verità, non mi convince molto dato che sui mezzi pubblici si incontra la gente del posto, la vera essenza di ogni paese. Ma i tempi questa volta sono ristretti e toccare cinque stati in sole due settimane non sarebbe stato possibile. L’itinerario naturalmente non è ancora deciso del tutto, ma l’idea è quella di fare la costa adriatica dalla Croazia fino all’Albania. Quando troverò una connessione magari vi terrò aggiornati sui miei spostamenti e soprattutto sul…

View original post 398 altre parole

Risotto con sedano e arancia

Questo è un primo piatto delizioso, digeribile, fresco, energetico e amico del nostro intestino.
Assolutamente consigliato!

Dolce Amara Deliziosa

Mi rendo conto da sola che ultimamente sono davvero poco presente!
Le giornate sono così belle che appena posso colgo l’occasione per uscire tant’è che i pranzi e le cene passano addirittura in secondo piano!
Lo so, lo so non è da me ma principalmente il fatto è che tra il caldo e gli orari di lavoro gli esperimenti in cucina sono sempre di meno.
Non fate quelle faccette tristi; appena ho tempo il mio pensiero è rivolto direttamente a voi e il risotto di oggi ne è la prova!
Questa ricetta l’ho presa dalla magica Sigrid e me ne sono subito innamorata.
Pur avendo apportato qualche modifica (niente gamberi nella mia versione) è venuto fuori un risotto eccezionale, pieno di sapori, fresco, leggero e dal gusto unico!
Se anche voi avete giusto n po’ di sedano da smaltire e volete provare un piatto nuovo questa ricetta fa proprio al caso vostro!
risotto sedano arancia (6)

Ingredienti per 4 persone:

4 pugnetti di…

View original post 186 altre parole

Strudel di Ciliegie e Lamponi con infuso di lavanda: seconda proposta per la Raccolta di Giugno

Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

Ed eccomi qui con la seconda proposta per la nostra Raccolta di Giugno “L’Orto del bimbo intollerante” ospitata questo mese dalla mia amica Leti di Senza è buono. Questo mese abbiamo richiesto a Voi colleghe cuoche ricette senza lievito, con peperoni o fagioli come verdura e ciliegie o lamponi come frutta.
Dopo il mio Clafoutis di Ciliegie, oggi prepariamo un buonissimo Strudel (uno dei miei dolci preferiti) senza glutine, senza lattosio e naturalmente senza lievito (come regolamento di questo mese della raccolta) ripieno di Ciliegie e Lamponi, mirtilli rossi e pinoli, marmellata home made ai frutti di bosco senza zucchero (vi posterò la ricetta al più presto) e reso ancora più delicato e profumato dall’aggiunta del mio infuso di lavanda. Vi lascio la ricetta e vi consiglio vivamente di provarlo perché è veramente buono! Dimenticavo: aspettiamo le Vostre ricette, avete tempo sino al 27 del mese (qui trovate tutti…

View original post 249 altre parole

Pomodori ripieni al forno vegetariani

Ottima ricetta nutriente e gustosa

Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

Ieri ho acceso il forno: si, lo so sono una pazza visto il caldo improvviso che è arrivato. Ma avevo voglia di questo piatto già da un po’ e quando al mercato ho trovato questi bellissimi pomodori rossi non avevo più scuse per non farlo. La ciurma, come il suo capitano, adoro questi tipi di piatti a base di verdura: parmigiane di ogni tipo, verdure ripiene e fantastiche torte salate. Piatti colorati e buoni anche a temperatura ambiente, proprio come questi pomodori ripieni: verdure al suo interno insieme a erbe profumate e un semplice formaggio come la mozzarella, nel mio caso Mozzarisella, un nuovo prodotto trovato in un negozio Bio che mi ha subito incuriosito, perché preparato con prodotti vegetali senza OGM e naturalmente senza lattosio e senza glutine. Ricetta semplice come sempre, veloce, da preparare anche in anticipo come ho fatto io e gustare la sera a temperatura ambiente!…

View original post 246 altre parole