OGM APPROVATA LA NUOVA LEGGE?

Accordo politico a dir poco pilatesco sugli Ogm dei ministri dell’ambiente dell’Ue. La montagna, quattro anni di dibattito, ha partorito l’ “enorme” topolino: gli Stati membri sono liberi di coltivare o di vietare – parzialmente o completamente – gli Ogm sul loro territorio. Non si vuole dunque prendere una posizione né contro, né a favore gli Ogm e dunque la palla passa alla presidenza italiana per trovare un accordo legislativo con il nuovo Parlamento europeo. Greenreport.it da sempre è contro gli Ogm e fa piacere che il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti abbia già ribadito il no del BelPaese con un tweet: «A Lussemburgo per Consiglio Ambiente Ue, ribadisco No Italia a Ogm. Partita da vincere, come quelle di #Brasil2014». Per il ministro «l’accordo raggiunto oggi é un buon compromesso in quanto molti Paesi Ue volevano una soluzione meno stringente, altri invece chiedevano una soluzione più stringente, ad esempio l’Italia. Credo però che il senso di responsabilità e la voglia di venire fuori da una situazione confusa ci abbia indotto tutti a trovare una sintesi con il documento di oggi». Il ministro ha detto anche di essere consapevole “che alla presidenza italiana spetta un compito difficile”: quello di trovare un accordo finale – sulla base dell’intesa politica raggiunta oggi – con il Parlamento europeo. Ci sarà su questo – ha concluso – «il massimo impegno della presidenza italiana – See more at: http://www.greenreport.it/news/consumi/ogm-in-ue-vince-pilato-ogni-decida-in-autonomia/#sthash.RL0M5sqa.dpuf
Tratto da http://www.greenreport.it

L’ Italia è un paese che ha ancora tutte le carte in tavola per portare avanti un tipo di agricoltura “OGM free”.
Qualunque legge venga approvata deve favorire il cittadino nella libera scelta di mangiare quello che ritiene meglio per la propria salute.
Se in parte è vero che non si muore per avere mangiato OGM, non ci sono i parametri definitivi per chi mangia ignaramente o inconsapevolmente OGM (più o meno quotidianamente) e in quantità opportune al proprio fabbisogno, cibi che sono stati geneticamente modificati .
Come naturopata il mio è un” NO” secco rivolto alle coltivazioni OGM e non solo in Italia.
E’ infatti sufficiente un solo seme OGM per passare da uno stato di coltivazione biologica a quella contaminata OGM.
Non solo ma come cittadino e individuo attento alla propria salute mi si deve garantire il diritto nella libertà di scegliere la qualità dei cibi nella mia spesa alimentare e quindi si ha l’obbligo anche morale e di coscienza nel salvaguardare e promuovere un tipo di alimentazione che segua i criteri salutistici (e tutelativi) in qualsiasi paese.
CINZIA ZEDDA NATUROPATA- esperta in alimentazione naturale

Annunci

scrivi qui !

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...